Skip to content

Come spiare la concorrenza online?

Quando si lavora nel digital marketing una delle esigenze che spesso ci vengono richieste dal superiore o dal cliente è:

Cosa sta facendo la concorrenza? Come spiarla?

In realtà, un buon digital marketer dovrebbe sentire l’esigenza a prescindere poiché l’analisi della concorrenza è requisito fondamentale per ogni strategia di marketing e quindi di digital marketing: che l’esigenza sia un rebranding o il lancio di un nuovo prodotto, è importante avere chiaro cosa la concorrenza sta facendo e cosa potrebbe fare (quindi fare qualche ipotesi).

Il bello del digital è proprio questo: la velocità delle analisi, possibile grazie agli strumenti (o tool, se vi piace di più la parola) che permettono in modo automatico molte delle operazioni che prima veniva fatte “a mano”.

L’analisi della concorrenza deve sempre riguardare:

  • Analisi dei prezzi praticati
  • Tipo di positioning
  • Set di prodotti / strategia di up e crosselling
  • Mix di advertising utilizzato
  • Visibilità sui motori di ricerca (quali keywords sono presidiate)
  • Creatività utilizzata e tipo di comunicazione
  • Strategia Social

Avere in mente tutte queste dimensioni è già un ottimo punto di partenza e siamo già ad un buon livello ed in questo articolo ci fermiamo a questo livello poiché di sicuro soddisferà la maggior parte delle esigenze.

Purtroppo, non esiste uno strumento (ops… tool) che permette di fare tutto in modo integrato ma bisogna utilizzarne vari, mixarli e poi farci un bel report “a mano” (sì, molte cose si fanno ancora “a mano”).

Vediamo di illustrare in modo rapido quali sono gli strumenti che utilizzo analizzare la concorrenza, tralasciando le attività più strettamente connesse al social e al marketing puro (prezzi, positioning etc…).

SITO WEB

Per analizzare un sito web la prima attività da svolgere è navigare il sito web come se fossimo un potenziale cliente (B2C o B2B) studiandone quindi l’usabilità, la struttura e tutte le metriche web.

Io quando analizzo un sito web passo in rassegna un paio di tool utili soprattutto se il sito web è di nostra proprietà ma che possiamo applicare anche alla concorrenza.

AHREFS

I prezzi di questo tool partono da 99$ (per saperne di più: pricing) ma è, secondo me, il miglior tool per analizzare i link del proprio sito web (siano essi interni o esterni)

Possiede un utile Alerts che ci invia una email quando un nuovo link è stato aggiunto verso il nostro sito che stiamo presidiando, un Site Explorer che ci fa vedere una dashboard completa non solo dei link in entrata ma anche chiavi organiche e parole chiave acquistate su AdWords e Bing.

Come spiare la concorrenza online? - Digital Yuppies

Sono molte le opzioni che si possono utilizzare, per quanto mi riguarda utilizzo molto l’analisi competitiva con un altro dominio, utile per capire qual è il gap e come risolverlo. Non mi dilungo più sulle opzioni perché sono molte e posso assicurarvi che è uno strumento davvero completo.

SEMRush

Sicuramente avrete sentito parlare e, magari, lo avrete anche utilizzato.

SEMRush è un tool di digital marketing che, mese dopo mese, si arricchisce di tool davvero utili. Parte sempre a 99$ (pricing). Nato come strumento per ottimizzare la spesa su Adwords e controllare il traffico organico (SEO), oggi conta moltissimi altri tool come Keyword analytics che vi permette di scegliere le parole chiave correlate, strumenti di monitoring del web (una sorta di Google Alert potenziato), Video advertising (non nel database Italia) e Display Advertising (funziona male in Italia), anche una sorta di Social analytics che vi permette di capire come vanno le cose sui social in relazione con la concorrenza.

Come spiare la concorrenza online? - Digital Yuppies

Su SEMRush potrei dilungarmi davvero per ore, soprattutto sulla funzione ricerca delle parole chiave, per capire e scegliere bene le parole su cui conviene posizionarsi. E’ uno dei tool da cui non riesco a staccarmi, anche perché lavoro con siti esteri e con keywords in lingua inglese. Per una soluzione analoga e molto valida (sempre in evoluzione) c’è anche SEOZoom (made in Italy).

Majestic

Al prezzo di 39.9€ al mese (pricing) è un potente tool utilizzato principalmente per l’analisi dei backlink, utile per analizzare campagne (e qualità delle stesse) di tipo SEO off page (quindi di link building).

Il tool è il migliore nel suo genere e rilascia anche il famoso trust flow e citation flow: un indice sintetico su qualità dei link e fiducia, utili per capire quando siamo a rischio su Penguin, per esempio.

Come spiare la concorrenza online? - Digital Yuppies

Anche qui ci sarebbe molto da dire, soprattutto sul nuovo tool interno che permette di incrociare i dati della Search console di Google. In sintesi, è utile per analizzare i competitor cosa fanno in termini di attività di link building e possiamo, come per gli altri tool, prendere nota di attività che dobbiamo metter in atto per difendere il nostro posizionamento (e quindi business).

Alexa

Alexa non ha bisogno di tante presentazioni. Per decenni ha rappresentato una metrica di traffico e ranking del web.

Oggi, a dire il vero, ha perso molta importanza e il fatto che sia rappresentativo o meno, è un argomento abbastanza discusso sul digital marketing. Forse non sarà il vostro tool fondamentale (non lo è neanche per me) ma, in termini di tool e quindi non di accademia, può esser utile affiancarlo ad altri tool.

Per esempio, offre uno strumento interessante per l’analisi della difficoltà delle parole chiave, uno spazio per la SEO on page o la famosa matrice delle parole chiave verso i competitor. Recentemente, ha anche una sezione ben curata sui backlink. Insomma, integra molti altri tool all’interno. Io però lo utilizzo sempre alla vecchia maniera: il rank.

Come spiare la concorrenza online? - Digital Yuppies

Pur prendendolo con le pinze, il global rank mi dà la dimensione se il sito sta crescendo in termini di traffico e di qualità oppure no. La sezione Metriche sito web, quindi, mi offrono rapidamente una visione del sito web, anche con metriche riguardanti pagine viste in media per visitatore, tasso di rimbalzo, tempo speso sul sito e il rank con tanto di serie storica.

I prezzi partono da 9$ ma che vi darà solo il global index. Io utilizzo il top, ovvero il tool da 149€ che mi da il tool sull’analisi competitiva e i tool SEO. Pur essendoci tool migliori, mi è utile avere più tool per il confronto (pricing).

Moz

E’ la miglior risorsa per i SEO. A parte tutte le guide, il blog e i corsi che MOZ sponsorizza settimanalmente, il tool è probabilmente uno dei top tool del digital marketing.

Prezzi da 149$, ben spesi a parer mio. Abbiamo di tutto e di più: Keyword Explorer, Analisi del sito, Crawl test, Rank Trackr, e analisi On page. Abbiamo anche Followerwonk che permette l’analisi degli account Twitter. Con due click è possibile creare il proprio progetto che delinea una dashboard che si auto-aggiorna.

Come spiare la concorrenza online? - Digital Yuppies - Moz

Ovviamente, è possibile inserire fino a 4 competitor ed analizzare il ranking in contemporanea. I report sono ben fatti e completi, insomma, è un tool davvero completo ed un must have per i digital marketer più esigenti (e con una possibilità di spesa più elevati).

WooRank

WooRank è un utile tool per ottimizzare il proprio sito web.

In modo semplice e veloce, alla stregua del tool di SEMRush che permette di verificare il sito dal lato SEO on page, WooRank offre una bella interfaccia con tutto ciò che ci serve in relazione a: velocità e usabilità del sito, volume delle visite e provenienza, backlink, Social (senza che gli indichiamo le pagine, li cerca in automatico), una tabella sulle Keyword (molto utile la griglia sulla consistenza).

Come spiare la concorrenza online? - Digital Yuppies - WooRank

E’ un tool che trovo molto utile, forse più utile per i propri siti che per l’analisi dei competitor ad esser sinceri. I piani partono da 49€ (pricing) .

Similarweb

SimilarWeb è, semplicemente, il miglior strumento per analizzare i siti competitor in termini di visite.

Non parliamo, ovviamente, di un tool che vi darà puntualmente il numero di utenti unici e views, ma posso assicurarvi che SimilarWeb si avvicina davvero molto agli analytics veri di un sito.

Lo utilizzo per “spiare” i siti competitor e fare dei benckmark (fino a 5 analisi congiunte) e capire se e come le visite stanno aumentando o diminuendo. E’ un tool molto costoso, quindi ponderate bene l’acquisto solo se avete necessità di gestire più clienti.

Non mi risulta che vadano in comunicazione con un prezzo ma potete provare la versione Free e richiedere un preventivo. Per la versione Pro senza limiti, che utilizzo io, il prezzo che ho sottoscritto qualche tempo fa è di 489€ al mese (advanced). Andando a memoria, il Basic costava 199$.

Con la versione Pro, senza limiti, è possibile anche analizzare le analytis di un App per iOS e Android, le ricerche on-site, analizzare il comportamento dei visitatori sul sito e analizzare eventuali funnel & conversion on site.

Come spiare la concorrenza online? - Digital Yuppies -

KEYWORD / ADVERTISING / CREATIVITÀ

iSpionage

Al costo base di 29$ al mese (pricing) , iSpionage offre vari tool molto utili per l’analisi competitiva. Premessa: il grande limite è che non supporta siti in lingua italiana.

Il tool è davvero bellissimo, ovviamente su siti con un certo valore in termini di investimenti pubblicitari PPC e SEO è sempre più accurato. Lo utilizzo come Alert (quando la spesa pubblicitaria del competitor aumenta), lo utilizzo come dashboard (ovviamente con export PDF personalizzati, se prendete il piano top), permette di vedere a quale annuncio quale landing page il competitor ha associato.

Come spiare la concorrenza online? - Digital Yuppies - iSpionage

Ovviamente c’è la parte SEO organica e la galleria landing page che, in una sola scheda, analizza tutte le landing presenti sul dominio e le categorizza proprio come una galleria con motore di ricerca interno. Insomma, è un tool che per me è essenziale che mi permette di gestire vari progetti ma, ripeto, non funziona con siti in lingua italiana.

Spyfu

Anche Spyfu è un tool per l’analisi dei competitor, con un prezzo base di 45€ al mese (pricing). Permette di trovare le keywords migliori a pagamento oppure organici ma fa anche qualcosa in più.

Spyfu è per me il miglior tool in circolazione per keyword research e analisi competitiva. Mi piace particolarmente perché è focalizzato su questo aspetto, rispetto a SEMRush che spesso mi perde qualche pezzo.

Ha un’interfaccia molto intuitiva che per me fa la differenza (pur essendo un utente pro, per me l’usabilità e l’interfaccia alzano il livello di un tool).

Come spiare la concorrenza online? - Digital Yuppies - Spyfu

Ha una marea di tool interni su backlink e via discorrendo. Certo, su backlink magari Majestic e Moz sono un gradino su, ma se volete un all in one forse Spyfu è la scelta giusta per le vostre esigenze. Il piccolo neo è che con siti italiani fatica un po’, ma come potete vedere dagli screen i risultati sono abbastanza corposi.

Adbeat

Questo è uno dei tool più belli che ci siano in circolazione, per alcuni il migliore in assoluto.

Prezzi altissimi, chiaramente, a partire da 249€ al mese (pricing), Adbeat è lo strumento che vi permette di portare su un altro livello l’analisi dell’advertising dei competitor.

Come spiare la concorrenza online? - Digital Yuppies - Adbeat

Creatività: vi permette di capire che tipo di banner realizza la concorrenza in termini di visual, dimensione.

Mix dei canali: potrete capire dove si concentrano gli investimenti (anche su quali siti), e poi video advertising (in Italia funziona benino, non benissimo), pubblicità Native. Potete anche lasciarvi ispirare dai competitors (anche esteri, perché no?) sulla creatività di un banner o di una comunicazione. Ovviamente, il tutto condito da report ben fatti con download integrato.

WhatrunsWhere

Al prezzo base di 249€ (pricing) fa ciò che fa Adbeat. Risulta forse esser un po’ più approfondito in realtà ma ha un’interfaccia un po’ “retro”.

Anche qui le opzioni ci sono tutte, proprio come su AdBeat ed infatti, il prezzo è abbastanza allineato al competitor. La parte search, per cercare ispirazione forse è fatta un po’ meglio e c’è un’interessante funzione sulla notifica quando qualcosa cambia sull’advertiser. Insomma, anche questo è uno dei migliori tool in circolazione.

Come spiare la concorrenza online? - Digital Yuppies - WhatRunsWhere

Altri tool:

  • intelligynce.com è un tool che permette di analizzare un eCommerce su piattaforma Shopify. E’ sufficiente inserire l’URL o utilizzare il motore interno e, tra molti dati utili (quanti prodotti sono inseriti, gli ultimi inseriti, le variazioni di prezzo) potrete addirittura capire quali sono i prodotti più venduti. Mi è capitato di utilizzarlo per analizzare un intero settore e mi è tornato molto utile. E’ un tool per esigenze specifiche. Il prezzo? 197$ all’anno.
  • Jungle Scout è un tool per Amazon. A partire da 29$ mensili,  è un tool adatto a chi vende su Amazon o a chi vuole metter su un eCommerce in generale e vuole fare un po’ di ricerca di mercato. Il tool lavora su Amazon, come detto e permette di accedere a tutto il database dei prodotti, filtrarli (anche con filtri avanzati), organizzarli e aggiungere il tracker del prezzo. Utilizzare bene Junge Scout permette anche di analizzare la concorrenza, individuare nicchie di mercato.
  • Spyfi è un tool all in one. Mi è capitato di utilizzarlo poiché, sulla carta offriva tanto: trending di Twitter fino a 1 giorno, Google, Buzzfeed, Boomarks, analisi YouTube (canali e chiavi di ricerca), SEO, Facebook Ads Tool. In realtà, il costo ridotto 87$ il pacchetto base, pagati solo una volta, nascondeva un po’ le debolezze del tool, troppo impreciso e troppo basic. C’è da dire, però, che al prezzo ridotto e per esigenze di base è un buono strumento.
  • Keyword Revealer è un altro tool che permette di trovare le parole chiave giuste per la strategia di web marketing (SEO) ma anche su Adwords. E’ molto semplice da utilizzare ma molto efficace, con un rank checker interno e soprattutto la possibilità di trovare le long tail.
  • SwissmadeMarketing conosciuto anche come SECockpit, è un tool completo che permette di trovare le keywords profittevoli. Un tool che io ritengo fondamentale. Vero, ci sono tanti altri tool che fanno lo stesso ma l’interfaccia e le funzioni complete, fanno sì che questo sia per me lo strumento migliore. A primo impatto disorienta, è vero, ma poi ci si abitua. Ha diverse opzioni come per esempio integrazione del search su Amazon, eBay e Suggest. Prezzo base a 40$ al mese.

Questi sono alcuni dei tool che utilizzo nel mio lavoro. Ci sono molti altri tool anche per esigenze diverse, come per sempio per il copywriting, influencer marketing, marketing automation. La sensazione che ho è che ce ne sono migliaia ma è sempre difficile sceglire perché il dubbio è che ci sia sempre qualche altro tool che funzioni meglio, magari un tool a cui non siamo a conoscenza. E’ importante quindi condividere le esperienze alla ricerca dei tool perfetti per le nostre esigenze.

 

  • author's avatar

    By: Johnny Giovanni Cavaliere

    Marketer & digital marketer. Teaching and Research Assistant (Product & Brand Management) presso la LUISS Guido Carli.
    Numerose esperienze in multinazionali come General Motors, Pfizer e Telecom Italia nel settore marketing e multichannel marketing. Attualmente digital marketer per una grande azienda di TLC italiana. Mi occupo di tutto ciò che è digital (strategia, web marketing, positioning, digital reputation, social analytics, monitoring e listening) e marketing (brand management, product management).

  • author's avatar

  • author's avatar

    See all this author’s posts

Published inGuideNews